Settimanale parrocchiale
L'appello del Signore a stare con Lui
La giornata del Seminario

"La parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato." ci dice il vangelo di oggi (Gv 14,24). Gesù non diceva parole sue, ma quelle che udiva dal Padre. Qualcosa di simile vale anche per la vocazione a diventare preti. Chi può dire di essere chiamato al sacerdozio non ha meriti particolari, ma deve ringraziare il Signore che lo ha scelto. E' così anche per me: se sono in Seminario è perché ora, dopo un tempo di verifica, sento più chiaro l'appello del Signore a stare con Lui: posso dirlo perché sono molto contento di quello che sto vivendo. Ci sono entrato all'improvviso, con un blitz che ancora oggi mi sorprende: ringrazio il Signore, perché quella decisione mi è servita poi per superare tante false obiezioni che avevo.
Il Seminario. Ormai da secoli (dal Concilio di Trento) è la via obbligata per diventare preti. Prima che un edificio (il "nostro" è a Venezia, accanto alla Basilica della Salute), è una comunità, di seminaristi ed educatori. In realtà non ci si entra perché già convinti di farsi preti, ma per capire se il Signore lo desidera. Certo, si studia anche (come all'università), ma l'ordinazione sacerdotale non è una conquista per meriti di studio: è un sacramento a cui ci si prepara con i giusti requisiti e con un costante lavoro di conversione; i primi anni in particolare sono per capire se la vocazione è autentica, grazie al confronto sincero e frequente con gli educatori.
La Giornata del Seminario. Ci ricorda che: il Seminario è il luogo dove si formano i preti di domani, patrimonio di tutta la comunità cristiana; c'è bisogno di nuove forze; occorre il coraggio di prendere sul serio il desiderio che il Signore mette nel cuore a più di qualcuno; bisogna pregare per le vocazioni; la comunità cristiana deve essere corresponsabile, anche economicamente, delle necessità della sua Chiesa (la vita in Seminario ha infatti dei costi e i seminaristi pagano una retta mensile).
Insieme... Fare un tratto di strada del mio percorso di seminarista con voi è un'occasione che il Signore mi offre per diventare sempre più suo discepolo. Ma, son certo, è anche un'opportunità per voi di avere qualche grazia dal Signore, per le vie che sa Lui... Aiutiamoci a camminare bene insieme.

Giovanni Carnio