Settimanale parrocchiale
Una candela per Valeria
In ricordo degli attentati a Parigi: in piazza san Marco 7000 persone

Mercoledì 18 Novembre in piazza S. Marco eravamo davvero in tanti.
Non credo che sia stato lo stesso motivo a spingere tutte queste persone a partecipare all'evento (sono infatti molto discordanti i pensieri tra le persone rispetto a quanto sta accadendo in questi giorni), ma nonostante questo la quiete del ritrovo, il silenzio collettivo e la veglia personale, hanno padroneggiato sulla piazza.
È l'elemento controtendente che ho apprezzato di più, basta infatti aprire un social network per essere inondati di informazioni e notizie, notizie spesso mediate secondo particolari fini, o false, o estrapolate da un contesto, o persino temporalmente datate (cioè vecchie di mesi) che non ci fanno più rendere conto di cosa davvero sta succedendo. Me lo sono chiesto molto fortemente, "cosa sta succedendo?" La risposta, con cui termino questa breve riflessione, mi è giunta proprio dal Vangelo di Luca : "Quando fu vicino a Gerusalemme, vedendo la città pianse su di essa dicendo: "Oh, se in questo giorno comprendessi il messaggio pace! Ma purtroppo è nascosto ai tuoi occhi! Verranno sopra di te giorni in cui i tuoi nemici ti circonderanno di trincee, ti assedieranno e ti stringeranno da ogni parte! Distruggeranno te e i tuoi figli in mezzo a te, e non lasceranno in te pietra sopra pietra, perché tu non hai conosciuto il tempo in cui sei stata visitata". (Lc 19, 41-44)

Giacomo