Sant'Adriano di Cesarea, martire
5 marzo

Martirologio Romano:
A Cesarea, in Palestina, sant'Adriano, martire, il quale, durante la persecuzione dell'imperatore Diocleziano, per ordine del preside Firmiliano, nel giorno della Festa della Fortuna, fu gettato alle fiere e poi ucciso con la spada.

m. 309

Subì il martirio con Eubulo il 5 o 7 marzo 309, «sesto anno della persecuzione», secondo la testimonianza di Eusebio. Essendo venuti ambedue a Cesarea in Palestina per aiutare i martiri di quella città, i due santi furono scoperti e, per aver confessato la loro fede, furono condannati alle belve. Adriano, dopo essere stato gettato in pasto ad un leone, fu finito con la spada. Nei sinassari greci il giorno 7 o 8 maggio è celebrata la festa dei ss. mm. Eubulo e Giuliano, ma è chiaro, come ha acutamente osservato il Delehaye, che sotto questo secondo nome si nasconde una corruzione del nome di Adriano. Qualche cosa di analogo è accaduto nel Martirologio Geronimiano, dove fra i santi ricordati il 5 marzo sono menzionati Adriano ed Euvolo, il cui nome appare corrotto nei codd. secondo la pronunzia bizantina.

Fonte/autore: Thomas Spidlik

Top