San Pier Tommaso, Patriarca latino di Costantinopoli
6 gennaio

Martirologio Romano:
Nell'isola di Cipro, il transito di san Pietro Tommaso, vescovo di Costantinopoli, carmelitano.

Périgod meridionale, Francia, 1305 circa - Famagosta, Cipro, 1366

Nacque nel Périgod meridionale (Francia) nel 1305 circa. A vent'anni entrò nell'Ordine del Carmelo. Esercitò l'ufficio di Procuratore Generale dell'Ordine presso la Curia papale ad Avignone e quello di predicatore apostolico, fu nominato nel 1354 vescovo di Patti e Lipari. Svolse le funzioni di legato pontificio presso re e imperatori del tempo per consolidare la pace e promuovere l'unione con le Chiese Orientali. Fu trasferito ad altre sedi: Corone (Peloponneso) anche con l'incarico di legato pontificio in Oriente (1363) ed infine Costantinopoli (1364) come patriarca latino. I suoi sforzi per l'unità della Chiesa fanno di questo santo nel secolo XIV un precursore dell'ecumenismo. Morì in Famagosta (Cipro) nel 1366.
La Chiesa lo ricorda il 6 gennaio, mentre i Carmelitani Scalzi ne fanno memoria l'8 gennaio.

Fonte/autore: Anthony Cilia

Top