Santi Elia, Geremia,Isaia,Samuele e Daniele, martiri
16 febbraio

Martirologio Romano:
A Cesarea in Palestina, i Santi Martiri , Elia, Geremia,Isaia,Samuele e Daniele, i quali, cristiani dell’Egitto, mentre si occupavano dei confessori della fede condannati alle miniere in Cilicia, furono arrestati e dal Preside Firmiliano, al tempo dell’imperatore Galerio Massimiano, crudelmente torturati e quindi uccisi. Dopo di loro ricevettero la corona del martirio anche il presbitero Panfilo, i diaconi di Gerusalemme Valente e Paolo, provenienti dalla città di Iamnia, i quali erano stati tenuti in carcere per due anni; e ancora Porfirio, servo di Panfilo, Seleuco della Cappadocia, centurione, Teodulo, anziano servitore della casa del preside Firmiliano e per ultimo Giuliano della Cappadocia, il quale , essendo entrato in città proveniente dalla campagna proprio nel momento in cui i Santi Martiri venivano uccisi e accusato di essere cristiano perché ne aveva bacaito i corpi, dal preside fu condannato ad essere bruciato a fuoco lento.

Fonte/autore:

Top