Santa Giuseppina Bakhita, vergine
8 febbraio

Martirologio Romano:
Santa Giuseppina Bakhita, vergine, la quale, nata in Sudan, ancora bambina fu rapita e più volte venduta nei mercati africani di schiavi; sopportò una crudele schiavitù, dalla quale, finalmente liberata, si fece cristiana e religiosa nella Congregazione delle Figlie della Carità a Venezia e trascorse il resto dei suoi giorni nella città di Schio nell'agro vicentino, facendosi tutta a tutti.

Fonte/autore:

Top