San Rigoberto di Reims, Vescovo
4 gennaio

Martirologio Romano:
A Reims, ancora in Francia, san Rigoberto, vescovo, il quale, espulso contro le leggi vigenti da Carlo Martello, re dei Franchi, trascorse la vita in solitudine.

† Gernicourt (Reims), 740 ca.

Divenne vescovo di Reims in Francia verso il 690, succedendo a s. Reolo, governò per una trentina d’anni, poi dovette lasciare la sede episcopale, per andare in esilio.
Le ragioni del suo allontanamento furono politiche e dovute all'ostilità nei suoi confronti, di Carlo Martello (689-741) maggiordomo d'Austrasia, che Rigoberto aveva rifiutato di sostenere; il quale divenne potente dopo la vittoria riportata a Vincy nel 717 su Ragenfredo, maestro di palazzo di Neustria, nella lotta che vide alla fine la riunione dei due regni di Austrasia e Neustria.
Dopo un certo tempo, Rigoberto tornò dall'esilio e si ritirò nel suo possedimento di Gernicourt vicino Reims, dove morì verso il 740; sepolto in un primo momento sul posto, il suo corpo venne poi trasferito nell'864 nella chiesa di S. Teodorico di Reims.
Una ‘Vita’, tutta esaltante le sue virtù di uomo e di vescovo, fu scritta verso l’890 da un canonico di Reims.
Il ‘Martirologio Romano' lo ricorda il 4 gennaio.

Fonte/autore: Antonio Borrelli

Top