San Blidulfo (Bladulfo), Monaco a Bobbio
2 gennaio

Martirologio Romano:
Nel monastero di Bobbio, san Bladulfo, sacerdote e monaco, discepolo di san Colombano.

2 gennaio

In alcuni martirologi Blidulfo (Bladulfo) si trova ricordato il 2 gennaio; a Bobbio, invece, dove riposano le sue reliquie, è festeggiato, insieme con altri santi monaci, il 16 marzo. Fu discepolo di san Colombano e visse a Bobbio sotto l'abate Attala. Nella Vita Golumbani, appunto, si narra che Ariovaldo, re dei Longobardi, incontrato per strada Blidulfo a Pavia, disse schernendolo: «Ecco uno dei monaci di Colombano che ci ricusano il saluto». Allora Blidulfo rispose che lo avrebbe salutato volentieri se avesse professato la vera fede e subito, li stesso, gli espose il dogma trinitario. L'ariano, umiliato e furioso, appostò nella notte due sgherri ordinando loro di finire il monaco a bastonate. Blidulfo, aggredito, fu lasciato a terra insanguinato dai sicari convinti di averlo ucciso; ma, soccorso e rialzato, disse di non aver mai dormito un sonno così dolce. Il prodigio conciliò il favore popolare verso i monaci di Bobbio e ravvivò in tutti la fede ortodossa. Lo stesso Ariovaldo, confuso, mandò a chiedere perdono a Blidulfo e dopo la sua ascesa al trono, pur restando ariano, non solo non molestò più i monaci, ma li appoggiò nella contesa col vescovo di Tortona (v. BERTOLFO). Blidulfo mori nel 630 e fu onorato come santo; nel 1482 fu fatta la traslazione delle sue reliquie.

Fonte/autore: Costantino Poggi

Top