San Volusiano di Tours, Vescovo
18 gennaio

Martirologio Romano:
In Francia, il transito di san Volusiano, vescovo di Tours, il quale fu cacciato dalla città dei Goti e morì in esilio.

m. 496

San Volusiano fu vescovo di Tours, nell'odierna Francia centrale, dal 488 al 496, qundo morì, all'epoca della conversione del re merovingio Clodoveo, fattore che avrebbe dato un grande impulso al cristianesimo nelle Gallie. San Gregorio di Tours, vissuto un secolo dopo, scrivendo a proposito del santo predecessore riferì che Volusiano era stato attaccato dai Goti e questi alla fine riuscirono addirittura a scacciarlo dalla sua sede, costringendolo così all'esilio in terra spagnola. Racconti successivi riferirono invece che il vescovo venne decapitato per mano degli invasori ed il suo martirio sarebbe dunque stato all'origine del suo culto.
A quel tempo vi erano ancora dei vescovi latini coniugati ed anche Volusiano era sposato: aveva una moglie talmente bisbetica che, con il suo caratteraccio, terrorizzava tutti i suoi conoscenti. Prova di ciò sta nella risposta che Ruricio, vescovo di Limoges, diede a Volusiano quando questi gli scrisse esponendogli il suo timore verso i goti: "timere hostem non debet extraneum qui consuevit sustinere domesticum", cioè che chiunque ha già un nemico terribile in casa sua non ha nulla da temere da quelli esterni.

Fonte/autore: Fabio Arduino

Top